I GIOIELLI "MOBILI"

LA SQUADRA
Il gioiello del M.·.V.·.
Formato da due asticelle unite ad angolo retto: è l’unione dell’orizzontale con il verticale, la fusione tra i gioielli del Primo e Secondo Sorvegliante.
Esprime il "criterio", mosso dal cuore, con il quale dirige i Lavori di Loggia.
Serve a formare quadrati perfetti, e ci ricorda che tutte le nostre azioni devono essere regolate sull’equità.

 

LA LIVELLA
Il gioiello del I Sorv.·.,
Formato da un triangolo, alla cui sommità è attaccato un filo a piombo, che pende su una barra graduata, con l’angolo ad una sommità di 90°.
Esprime il piano orizzontale, dove si manifesta l’opera dei Compagni d'Arte, dei quali definisce il campo d’azione.
Serve a pareggiare le superfici e ci ricorda che tutti gli uomini sono eguali, e che deve regnare una perfetta unione tra tutti i F.lli Liberi Muratori.

 

LA PEPRENDICOLARE ( oppure FILO A PIOMBO)
Il gioiello del II Sorv.·.,
Formato da un filo a piombo al centro di un arco.
Esprime l’opera di riorientamento sul piano verticale, dove egli è chiamato ad educare gli Apprendisti all’allineamento, condizione imprescindibile per mettere in rapporto la propria "terra" con il proprio "cielo", la fonte di "illuminazione"
Serve a elevare costruzioni perfettamente ortogonali rispetto alla loro base.
Ci ricorda la stabilità del nostro Ordine, essendo elevata sulle virtù ed è l’emblema della ricerca in profondità, della verità, della saldezza e dell’equilibrio.