Anno 2020 - Ue:Commissione Petizioni, chiarimenti legge Ars su Massoneria - ANN0 2007 - LA CORTE EUROPEA HA OGGI CONDANNATO L'ITALIA E DATO RAGIONE ALLA MASSONERIA
 


 
                 

 

 


Alcuni aspetti del simbolismo di Ercole
di Mariano Bizzarri






Società iniziatica e non
 “società segreta”, la libera muratoria si fonda tuttavia su un
“segreto”

  -------
Lavorare al bene e
 al progresso
 dell'umanità


   

LA LOGGIA


IN DIFESA DELLE LIBERTA'
Tra gli ospiti della Gran Loggia, anche gli onorevoli Lo Curto e Catalfamo


 «Siate sempre in guerra con i vostri vizi, in pace con i vostri vicini, e fate sì che ogni anno vi scopra persone migliori». Con questa frase, Benjamin Franklin, pare trasmettere la propria essenza iniziatica.

 

Fondazione Collegio RSAA Vignette Instagram Facebook Calendario

Conformemente al simbolismo tradizionale, se s’intendono la «Terra Santa» e il «Centro del Mondo» in senso spirituale, l’élite intellettuale ne è la custode e adempie alla funzione di mantenere il legame tra questi e l’insieme dell’umanità. Dire che la via che conduce al «Centro del Mondo» fu mantenuta aperta per gli Occidentali fino a una certa epoca, significa quindi affermare che fino a quell’epoca vi furono, in seno all’Occidente, dei membri dell’élite intellettuale.


se sei un profano
non bussare
a questa porta

Il termine tempio massonico indica uno spazio concettuale rituale formato da una Loggia massonica quando si incontra, di conseguenza anche gli spazi fisici e le strutture in cui si incontrano. Viene anche usato con significato allegorico per riferirsi a uno scopo filosofico.


Collegio MMVV
Piemonte e Valle d'Aosta
 




Ordine iniziatico affine alla Massoneria, ne condivide gli ideali, le finalità di perfezionamento spirituale e l’elevazione morale

essere moglie di un Massone





massoneria nell'arte
(opera di Titti Garelli)

 



"Nell’ esoterismo islamico, è detto che colui che si presenta ad una certa porta, senza esservi pervenuto attraverso una via normale e legittima, vede questa porta chiudersi davanti a lui ed è costretto a tornare indietro, peraltro non più come un semplice profano, il che è ormai impossibile, ma come saher (stregone o mago); non sapremmo esprimere più nettamente ciò di cui si tratta."

René Guénon, Iniziazione e contro – iniziazione, in "La Tradizione e le Tradizioni".
 

I 99 nomi di Allah

«Ad Allah appartengono novantanove nomi – cento meno uno,
non li memorizza se non colui che entrerà nel Paradiso.
 



IL QUADRATO MAGICO DI POMPEI
 

MISTICA EBRAICA
La mistica quale dottrina esoterica dell'ebraismo, nei suoi rapporti con il divino, ha i suoi primi fondamenti nei testi stessi della Bibbia ebraica comunemente definita An­tico Testamento.

 

 


IL LABIRINTO DI CHARTRES

Labirinto di Chartres

Il pavimento della cattedrale gotica di Chartres, è disegnato il labirinto riprodotto qui...entra  


Chi si trova su un cammino spirituale tale per cui è in contatto con un Maestro vivente, in grado di indirizzare e, appunto, di formare, è almeno apparentemente avvantaggiato. La figura del Maestro, pur essendo...leggi

 


Massoni al Columbus Day

 


¯
musiche massoniche

I misteri della massoneria sulle note del Flauto magico





René Guénon

René Jean-Marie-Joseph Guénon, conosciuto anche come Shaykh 'Abd al-Wahid Yahya dopo la conversione all'Islam, è stato uno scrittore, esoterista, intellettuale francese.
 
 Data di nascita:
 
15 novembre 1886, Blois, Francia
 Data di morte:
 
7 gennaio 1951, Il Cairo, Egitto

Tornata sotto le stelle



l'esoterismo su smartPhone
Apple store - EsoClassics

LEGGI LA TAVOLA DEL MESE
L'abbandono dei metalli

 


 

 MASSONERIA - CENNI STORICI

In Italia la massoneria fu diffusa nel XVIII sec., raccogliendo esponenti del pensiero 
illuministico che conciliava stabilità delle istituzioni e rinnovamento civile. Ebbe un ruolo di spicco nell'Italia risorgimentale e dell'Unità, specie durante la fase cruciale dell'unificazione politica. Fra i suoi fedeli sostenitori e membri vi furono Manin, Cavour e Garibaldi. Divisa in due grandi rami dal 1908, Massoneria di Palazzo Giustiniani (Roma) o Grande Oriente d'Italia e Massoneria del Supremo Consiglio d'Italia (detto di “piazza del Gesù”) di rito scozzese antico e accettato, di cui era partecipe la Grande Loggia Nazionale, dopo aver abbandonato la pregiudiziale anticlericale, continua la sua attività, oltre la parentesi fascista, e ha organizzato nel luglio 1959 a Genova il I Congresso Costitutivo della Federazione Massonica Europea allo scopo di meglio coordinare l'attività di intervento e di azione. Nel 1973 i due tronconi della massoneria italiana hanno avviato un processo di ricomposizione dal quale si sono però dissociate alcune piccole componenti che facevano riferimento alla famiglia di “piazza del Gesù”. Grande clamore suscitò in Italia lo scandalo P2, una loggia massonica segreta sciolta dal Grande Oriente d'Italia nel 1974.




Considerazioni sulla via iniziatica

di Renè Guenon

 

Guénon afferma che “ogni realizzazione iniziatica è dunque essenzialmente e puramente ‘interiore’, contrariamente a quella ‘uscita da sé’ che costituisce ‘l’estasi’ nel senso esatto ed etimologico della parola. E in questo consiste non certo la sola differenza, ma almeno una delle grandi differenze esistenti tra gli stati mistici, interamente appartenenti al dominio religioso, e gli stati iniziatici.”

Guenon scrive: “Nell’iniziazione è di fondamentale importanza un collegamento a una Organizzazione Tradizionale , che non può, beninteso , dispensare in alcun modo dal lavoro interiore che ognuno deve compiere da se stesso, ma che è richiesto come condizione preliminare perché questo lavoro stesso possa effettivamente dare i suoi frutti…

 Vi sono certiignoranti
i quali si immaginano che ci ‘si inizi’ da sé, il ché è in qualche modo una contraddizione dei termini; dimenticando, seppur l’hanno mai saputo, che la parola initium significa ‘entrata’ o ‘principio’; essi confondono il fatto stesso dell’iniziazione, intesa nel senso strettamente etimologico, col lavoro da compiersi ulteriormente affinché questa iniziazione, da virtuale nel primo momento, divenga più o meno completamente effettiva.”

le riflessioni di Hermes
Si definisce: un Massone qualsiasi. Orgogliosamente collocato alla base della Piramide

La vera Massoneria, quella conosciuta in prima persona nel lavoro di Loggia, azzera luoghi comuni, leggende, falsi miti, pregiudizi. La Massoneria è un’esperienza partecipativa ed insieme squisitamente individuale. Tutta da vivere, da imparare, da sentire, da elaborare. In proprio, con il proprio spirito, la propria anima, il proprio corpo.



Dio e la religione

«Un Massone è tenuto, per la sua condizione a obbedire alla legge morale; e se egli intende rettamente l'Arte non sarà mai un ateo stupido né un libertino irreligioso. Ma sebbene nei tempi antichi i Muratori fossero obbligati in ogni Paese a essere della religione di tale Paese o Nazione, quale essa fosse, oggi si reputa più conveniente obbligarli soltanto a quella Religione nella quale tutti gli uomini convengono, lasciando a essi le loro particolari opinioni; ossia, essere uomini buoni e leali o uomini di onore e di onestà, quali che siano le denominazioni o confessioni che servono a distinguerli; per cui la Massoneria diviene il Centro di Unione e il mezzo per annodare una sincera amicizia tra persone che sarebbero rimaste in perpetuo estranee.»


w.a.mozart
il sufismo
io sono Massone
mio padre Massone
esoterismo
capisaldi esoterici
blog di Loggia
varie
 

Chi si trova su un cammino spirituale tale per cui è in contatto con un Maestro vivente, in grado di indirizzare e, appunto, di formare, è almeno apparentemente avvantaggiato. La figura del Maestro, pur essendo... continua a leggere

 

 

La Massoneria in Italia è molto frammentata e divisa in varie obbedienze o comunioni. Le prime testimonianze certe e documentate della presenza massonica nel territorio italiano risalgono al 1728 con delle tracce potenziali nel 1723, quindi a pochi anni dalla nascita della prima gran loggia. Il G.O.I. è l'Obbedienza più antica e numerosa

  -


L’espressione “speculativi” si affermerà nei primi decenni del Settecento per indicare i non “operativi” che hanno aderito alle logge per ragioni esoteriche e filosofiche culturalmente impegnative e distinguerli dagli “accettati” che sono mossi da semplici motivi di curiosità o sociali. Che cosa trovano nelle logge della corporazione muratoria gli “accettati” e gli “speculativi”? Forse meno di quello che si aspettano. In Inghilterra le organizzazioni locali “operative” erano chiamate nel Medioevo misteres, parola che più tardi – trascritta in mystery, “mistero” – comprensibilmente emozionerà gli esoteristi. Ma in realtà la parola inglese arcaica mistere era una semplice corruzione dell’italiano “mestiere” (è nota l’importanza dell’Italia per l’attività dei costruttori), e dunque non faceva allusione a nessun “mistero” occulto. Gli elementi decisivi per la formazione del successivo rituale “speculativo” che si trovavano nella massoneria “operativa” britannica erano sostanzialmente due. Da una parte vi era un corpus di leggende contenuto nelle cosiddette “Costituzioni manoscritte della massoneria”, i cui testi principali sono due manoscritti, Halliwell (più conosciuto come Regius) e Cooke, che risalgono agli anni 1390-1410. Questi manoscritti contengono due diverse leggende sulle origini della muratoria: una più antica – che è stata chiamata la “storia antica breve” – e una più recente, la “storia nuova lunga”



La libertà del Massone


<
  
Visualizzatore d'immagini Es. 2 I tre labari di Loggia
 
  Vita Nova n 41
 
  Stella d'Italia Vita Nova n 1051
 
  Vita Nova n 1051


 


Principi e Finalità della Massoneria

La Comunione Massonica Italiana, fatti propri gli Antichi Doveri, persegue la ricerca della verità e il perfezionamento dell’Uomo e dell’Umana Famiglia; opera per estendere a tutti gli Uomini i legami d’amore che uniscono i Fratelli; propugna la tolleranza, il rispetto di sé e degli altri, la libertà di coscienza e di pensiero.

L’Apprendista Ammesso conosce della Massoneria poco più che l’uso di segni e toccamenti, e certi passi e certe parole per mezzo delle quali i Massoni possono riconoscersi reciprocamente senza essere scoperti da chi non sia Massone. Il Compagno di Mestiere non è in realtà molto più istruito dell’ApprendistaAmmesso. E’ solo nella Loggia dei Maestri Massoni, che qualunque conoscenza rimane dalle origini della Massoneria ed è preservata e nascosta.


L’Italia nata da una idea massonica e portata avanti da fratelli massoni: è una repubblica intrisa di ricca simbologia massonica.

L’inno nazionale, conosciuto anche come “Fratelli ... continua a leggere


sito autorizzato dal G.O.I. Palazzo Giustiniani
© loggia1051.it



L'IPOTENUSA

Periodico ufficiale del Collegio Circoscrizionale dei MMVV  del Piemonte e Val d’Aosta


 


Il Centro di Documentazione Ipotenusa, ha, tra i suoi molteplici compiti, privilegiato da sempre, cioè dalla sua fondazione avvenuta nel lontano 1959, la redazione e divulgazione della Rivista L’Ipotenusa incentrata sugli Studi Massonici e Tradizionali.

 


 


Joseph Rudyard Kipling (Bombay, 30 dicembre 1865  Londra, 18 gennaio 1936) è stato uno scrittore e poeta britannico.

Fra le sue opere più note: la raccolta di racconti Il libro della giungla, i romanzi Kim, Capitani coraggiosi, Se, Il fardello dell'uomo bianco e LA MIA LOGGIA MADRE

 

 


L'essere tenuto ad una veste simbolica ricorda al Massone che rappresenta non solo se stesso, ma un ruolo, una funzione; lo porta a sentire che ripete e perpetua un senso ereditato da una tradizione molto antica. Per coloro che indossano il collare al quale è appeso il gioiello di carica/funzione, esso ricorda l’impegno assunto a favore dell’Ordine che, appeso al collo e supportato dalle spalle, pesa come il macigno della responsabilità.


         I GIOIELLI di LOGGIA

 

Squadra: la Morale, il Compasso la Spiritualità. In altri termini, la Squadra simboleggia la rettitudine e la dirittura d’intenzione, di propositi e di opere, cioè rappresenta un obbligo, una norma immutabile, un dovere; il compasso, invece, la Volontà, la Capacità, il Genio.


 VITA NOVA DI ALESSANDRIA



 

Agape

L’Agape, nella massoneria inglese e americana non differisce dagli incontri conviviali di altre società, se non, forse, per l’unica eccezione della regola che proibisce il tenersi di discussioni su argomenti d’indole religiosa o politica, regola che viene decisamente mantenuta. Nelle logge francesi l’agape è eseguita seguendo un particolare sistema di regole che prevedono la presenza di cerimonie che li distinguono marcatamente da ogni altra assemblea sociale. La stanza ove l’agape avviene è coperta, e ai soli membri della fratellanza viene permesso l’ingresso.


Carlo ROELLA

Il F.llo ROELLA Carlo Pietro,membro effettivo della R.L. Cavalieri di Scozia all’Or. di Torino Palazzo Giustiniani si adoperò per far confluire quei F.lli nel Grande Oriente d’Italia – Palazzo Gistiniani. Quei sette F.lli furono accolti, pur separati in differenti Officine, dal Collegio Piemontese - Estratto da: "La fondazione della R.L. "Vita Nova"




"DUPLICATO" BOLLA DI FONDAZIONE





BOLLA DI FONDAZIONE
ORIGINALE


ASILI NOTTURNI DI TORINO

Barboni, giovani e anziani privi di un tetto, lontani dalla terra natale e dalla famiglia, sbandati, oppressi dalla fame e dal freddo, bussano ogni anno sempre più numerosi alle porte dei nostri Asili. Domina nel loro animo un distacco da tutto e tutti, specie dalla società da loro giudicata egoista, indifferente, inumana.
Una cena ristoratrice, una notte trascorsa al caldo, una benevola e scrupolosa assistenza medica, il dono inaspettato di indumenti decorosi di ogni genere, dissipano la loro acredine e ridanno loro fiducia verso il prossimo


 I versi seguenti esprimono la dottrina Sûfî secondo la quale ogni strada conduce all'Unico Dio
 

"Si è fatto, ormai, il mio cuore

capace di ogni forma:

per le gazzelle è un pascolo,

ed è convento ai monaci cristiani;

si fa tempio per gli idoli,

e Ka`ba ai pellegrini;

tavola di Torà,

e libro del Corano.

Seguo la religione dell'amore:

in qualunque regione mi conducano

i cammelli d'amore, là si trovano

la mia credenza e la mia religione"



IbnʿArabī

(Murcia, 7 agosto 1165 Damasco, 16 novembre 1240)filosofo, mistico e poeta arabo.

La sua opera ha influenzato molti intellettuali e mistici sia orientali sia occidentali. Alcuni studiosi ritengono che egli abbia in qualche misura influenzato, seppure in modo indiretto, anche Dante e San Giovanni della Croce.