ANN0 2007 - LA CORTE EUROPEA HA OGGI CONDANNATO L'ITALIA E DATO RAGIONE ALLA MASSONERIA


 
                 

 

 

LA BRECCIA DI PORTA PIA

“Noi c’eravamo 150 anni fa, ci siamo oggi e ci saremo sempre per difendere il libero pensiero e la Libertà”



Società iniziatica e non
 “società segreta”, la libera muratoria si fonda tuttavia su un
“segreto”

 

Lavorare al bene e
 al progresso
 dell'umanità

   


Area 1051.................         
Username:
Password:
      


LA LOGGIA


IN DIFESA DELLE LIBERTA'
Tra gli ospiti della Gran Loggia, anche gli onorevoli Lo Curto e Catalfamo


 «Siate sempre in guerra con i vostri vizi, in pace con i vostri vicini, e fate sì che ogni anno vi scopra persone migliori». Con questa frase, Benjamin Franklin, pare trasmettere la propria essenza iniziatica.

 

Fondazione Collegio RSAA Vignette Instagram Facebook Calendario
 
 
FRASI SULLA MASSONERIA

 Il cardinale di Hohenlohe mi diceva:

"Papa Leone incolpa sempre la massoneria delle persecuzioni contro la chiesa. È la sua minchioneria, non la massoneria".

Carlo Dossi scrittore, politico e diplomatico italiano 1849 - 1910



"La data del 1717 non segna l'origine della massoneria ma quella della sua degenerescenza, il che è assai diverso.“

René Guénon scrittore e esoterista francese 1886 - 1951



"Mi dispiace lasciare questa redazione, ma non posso stare in un giornale che chiede al suo direttore la tessera della massoneria.“

Enzo Biagi giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano 1920 - 2007




se sei un profano
non bussare
a questa porta


Il termine tempio massonico indica uno spazio concettuale rituale formato da una Loggia massonica quando si incontra, di conseguenza anche gli spazi fisici e le strutture in cui si incontrano. Viene anche usato con significato allegorico per riferirsi a uno scopo filosofico.


Collegio MMVV
Piemonte e Valle d'Aosta
 




Ordine iniziatico affine alla Massoneria, ne condivide gli ideali, le finalità di perfezionamento spirituale e l’elevazione morale





massoneria nell'arte
(opera di Titti Garelli)



"Nell’ esoterismo islamico, è detto che colui che si presenta ad una certa porta, senza esservi pervenuto attraverso una via normale e legittima, vede questa porta chiudersi davanti a lui ed è costretto a tornare indietro, peraltro non più come un semplice profano, il che è ormai impossibile, ma come saher (stregone o mago); non sapremmo esprimere più nettamente ciò di cui si tratta."

René Guénon, Iniziazione e contro – iniziazione, in "La Tradizione e le Tradizioni".
 

I 99 nomi di Allah

«Ad Allah appartengono novantanove nomi – cento meno uno,
non li memorizza se non colui che entrerà nel Paradiso.
 



IL QUADRATO MAGICO DI POMPEI
 

MISTICA EBRAICA
La mistica quale dottrina esoterica dell'ebraismo, nei suoi rapporti con il divino, ha i suoi primi fondamenti nei testi stessi della Bibbia ebraica comunemente definita An­tico Testamento.

 





IL TESTAMENTO DI CAGLIOSTRO.
 Chi era veramente il Conte Cagliostro? Da dove veniva? Qual’era la sua missione? Le risposte possano trovarsi solo nella dichiarazione, fatta da Cagliostro stesso, ai suoi inquisitori durante il processo...
continua »


Il pavimento della cattedrale gotica di Chartres, è disegnato il labirinto riprodotto qui...entra  


Chi si trova su un cammino spirituale tale per cui è in contatto con un Maestro vivente, in grado di indirizzare e, appunto, di formare, è almeno apparentemente avvantaggiato. La figura del Maestro, pur essendo...leggi


Massoni al Columbus Day


¯
musiche massoniche

I misteri della massoneria sulle note del Flauto magico




anche
barzellette massoniche


René Guénon

René Jean-Marie-Joseph Guénon, conosciuto anche come Shaykh 'Abd al-Wahid Yahya dopo la conversione all'Islam, è stato uno scrittore, esoterista, intellettuale francese.
 
 Data di nascita:
 
15 novembre 1886, Blois, Francia
 Data di morte:
 
7 gennaio 1951, Il Cairo, Egitto

Tornata sotto le stelle



L'essere tenuto ad una veste simbolica ricorda al Massone che rappresenta non solo se stesso, ma un ruolo, una funzione; lo porta a sentire che ripete e perpetua un senso ereditato da una tradizione molto antica. 


L'EQUINOZIO - Riflessioni del  F.LLO LUCA DS

I popoli antichi hanno sempre riconosciuto grande importanza alle stagioni, al susseguirsi dei solstizi e degli equinozi, l’osservazione di questi eventi scandiva il ritmo della natura con cui l’essere umano armonizzava il proprio. le epoche remote la conoscenza astronomica ed astrologica erano parte di un’unica disciplina e l’astrologia era considerata un prezioso sapere iniziatico, si trattava di simboli, archetipi in cui specchiarsi, ne rimane testimonianza nel tempio massonico, dove lo zodiaco è un simbolo fondamentale del macrocosmo. L’equinozio, dalla locuzione latina aequa nox, ovvero il momento in cui il giorno e la notte hanno la stessa durata, segna la transizione …continua a legegre ..



SUMMA INIZIATICA

Articolo di Hermes

La vera Massoneria, quella conosciuta in prima persona nel lavoro di Loggia, azzera luoghi comuni, leggende, falsi miti, pregiudizi. La Massoneria è un’esperienza partecipativa ed insieme squisitamente individuale. Tutta da vivere, da imparare, da sentire, da elaborare. In proprio, con il proprio spirito, la propria anima, il proprio corpo.

Il corpus simbolico della Massoneria ha attraversato le ere per diventare qui ed ora, completamente nostra.

 

Qui in questo Tempio, nei nostri riti, trapela la potenza del monoteismo di Amenofis, il mito solare di Osiride e della sua sposa Iside. Qui riecheggia, nella voce del Maestro Venerabile, la saggezza di Re Salomone. Qui Hiram Abif, figlio di una vedova della tribù di Nèftali, continua ad organizzare gli operai e le maestranze per la costruzione infinita del Tempio..

Non solo: l’esoterismo romano in Massoneria, ha lo sguardo bifronte di Giano che si riflette nella celebrazione del Solstizio d’inverno. Ancora: nel corso del rito di iniziazione ad Apprendista abbiamo udito suoni edili e metallici di Officina. Gli stessi suoni dei Collegia Artìficum e dei Collegia Fabrorum che eternamente riecheggiano cupi e festosi nel Tempio.

LEGGI LA TAVOLA DEL MESE

I Metalli dell'Iniziato



  Dio e la religione

«Un Massone è tenuto, per la sua condizione a obbedire alla legge morale; e se egli intende rettamente l'Arte non sarà mai un ateo stupido né un libertino irreligioso. Ma sebbene nei tempi antichi i Muratori fossero obbligati in ogni Paese a essere della religione di tale Paese o Nazione, quale essa fosse, oggi si reputa più conveniente obbligarli soltanto a quella Religione nella quale tutti gli uomini convengono, lasciando a essi le loro particolari opinioni; ossia, essere uomini buoni e leali o uomini di onore e di onestà, quali che siano le denominazioni o confessioni che servono a distinguerli; per cui la Massoneria diviene il Centro di Unione e il mezzo per annodare una sincera amicizia tra persone che sarebbero rimaste in perpetuo estranee.»


w.a.mozart
il sufismo
io sono Massone
mio padre Massone
esoterismo
capisaldi esoterici
blog di Loggia
varie
 

Chi si trova su un cammino spirituale tale per cui è in contatto con un Maestro vivente, in grado di indirizzare e, appunto, di formare, è almeno apparentemente avvantaggiato. La figura del Maestro, pur essendo... continua a leggere

 

 

La Massoneria in Italia è molto frammentata e divisa in varie obbedienze o comunioni. Le prime testimonianze certe e documentate della presenza massonica nel territorio italiano risalgono al 1728 con delle tracce potenziali nel 1723, quindi a pochi anni dalla nascita della prima gran loggia. Il G.O.I. è l'Obbedienza più antica e numerosa

  -


L’espressione “speculativi” si affermerà nei primi decenni del Settecento per indicare i non “operativi” che hanno aderito alle logge per ragioni esoteriche e filosofiche culturalmente impegnative e distinguerli dagli “accettati” che sono mossi da semplici motivi di curiosità o sociali. Che cosa trovano nelle logge della corporazione muratoria gli “accettati” e gli “speculativi”? Forse meno di quello che si aspettano. In Inghilterra le organizzazioni locali “operative” erano chiamate nel Medioevo misteres, parola che più tardi – trascritta in mystery, “mistero” – comprensibilmente emozionerà gli esoteristi. Ma in realtà la parola inglese arcaica mistere era una semplice corruzione dell’italiano “mestiere” (è nota l’importanza dell’Italia per l’attività dei costruttori), e dunque non faceva allusione a nessun “mistero” occulto. Gli elementi decisivi per la formazione del successivo rituale “speculativo” che si trovavano nella massoneria “operativa” britannica erano sostanzialmente due. Da una parte vi era un corpus di leggende contenuto nelle cosiddette “Costituzioni manoscritte della massoneria”, i cui testi principali sono due manoscritti, Halliwell (più conosciuto come Regius) e Cooke, che risalgono agli anni 1390-1410. Questi manoscritti contengono due diverse leggende sulle origini della muratoria: una più antica – che è stata chiamata la “storia antica breve” – e una più recente, la “storia nuova lunga”



“Per andare dove nessun uomo è mai andato prima” - la ricerca e l'esplorazione del pensiero Massonico
. . .
 
Mi hanno regalato un nome e poi mi hanno comprato un libro: “Il gabbiano Jonathan Livingston”.

LA LIVELLA


La libertà del Massone


<
  
Visualizzatore d'immagini Es. 2I tre labari di Loggia
 
  Vita Nova n 41
 
  Stella d'Italia Vita Nova n 1051
 
  Vita Nova n 1051


 


Principi e Finalità della Massoneria

La Comunione Massonica Italiana, fatti propri gli Antichi Doveri, persegue la ricerca della verità e il perfezionamento dell’Uomo e dell’Umana Famiglia; opera per estendere a tutti gli Uomini i legami d’amore che uniscono i Fratelli; propugna la tolleranza, il rispetto di sé e degli altri, la libertà di coscienza e di pensiero.

L’Apprendista Ammesso conosce della Massoneria poco più che l’uso di segni e toccamenti, e certi passi e certe parole per mezzo delle quali i Massoni possono riconoscersi reciprocamente senza essere scoperti da chi non sia Massone. Il Compagno di Mestiere non è in realtà molto più istruito dell’ApprendistaAmmesso. E’ solo nella Loggia dei Maestri Massoni, che qualunque conoscenza rimane dalle origini della Massoneria ed è preservata e nascosta.




Giovani e Massoneria. Stralcio dell'intervista al Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia

Quali meccanismi animano la volontà di chiedere di associarsi ad una loggia?“

Noi non facciamo proselitismo, ma chi scopre di avere dentro di sé la fiamma della conoscenza e si pone dei dubbi nella ricerca della verità, può essere avvicinato da un conoscente, un amico o da un familiare. Inizia così un periodo lungo di attesa. Dopo aver presentato la domanda in una delle sedi del Grande Oriente in tutta Italia e l’esame della stessa da parte dei Fratelli della Loggia alla quale si è bussato, si passa alla fase della “tegolatura”. L’aspirante avrà un incontro con tre Fratelli scelti dall’Officina che, attraverso una serie di domande, cercheranno di cogliere la personalità, gli interessi e l’attitudine del bussante a far parte dell’Ordine. Se supererà questa fase si passerà all’iniziazione ad apprendista, il primo dei tre gradi massonici”.

Che messaggio vuole mandare ai giovani che leggeranno questa intervista, interessati a chiedere l'ammissione al Grande Oriente d'Italia?“

Ai giovani piace il calcio è anche il vostro sito porta il termine gol. Noi siamo come una grande squadra di calcio, dove c’è una parte interna nel chiuso dello spogliatoio, e poi c’è la parte esterna in cui andiamo in campo per il Bene dell’Uomo. Giochiamo sempre per vincere la partita più importante. Da noi non c’è il pallone ma si allenano la mente e il corpo alla Tolleranza, a dare più che a ricevere, a essere Fratelli di tutto nella più grande scuola iniziatica volta all’elevazione dell’Uomo”.




Maglio e Scalpello

Volendo semplificare al massimo Il
Maglietto rappresenta la forza di volontà, la ferrea determinazione ad agire per il Bene, secondo quanto dettato da Virtù e Coscienza. Nel mero significato di azione, corrisponde alla capacità di agire rapidamente e con precisione sulla materia, ovvero la capacità di dosare la forza profusa nel movimento. Così, se il Maglietto esprime la volontà di agire, lo Scalpello simboleggia il discernimento cioè la capacità di distinguere le parti utili della pietra, essenziali alla costruzione, da quelle inutili da levigare; la conoscenza di ciò che deve esser fatto, di contro a ciò che deve essere evitato ....


L’Italia nata da una idea massonica e portata avanti da fratelli massoni: è una repubblica intrisa di ricca simbologia massonica.

L’inno nazionale, conosciuto anche come “Fratelli ... continua a leggere

 


 

sito autorizzato dal G.O.I. Palazzo Giustiniani
© loggia1051.it


 


2020

I LAVORI DI LOGGIA
 SONO RIPRESI
 CON LIMITAZIONI CIRCA L'USO DEI TEMPLI,  NEL RISPETTO DELLE NORMATIVE ANTI COVID


LA SEGRETERIA E' APERTA
CON LIMITAZIONI DI INGRESSO



A.G.D.G.A.D.U.


 I versi seguenti esprimono la dottrina Sûfî secondo la quale ogni strada conduce all'Unico Dio
 

"Si è fatto, ormai, il mio cuore

capace di ogni forma:

per le gazzelle è un pascolo,

ed è convento ai monaci cristiani;

si fa tempio per gli idoli,

e Ka`ba ai pellegrini;

tavola di Torà,

e libro del Corano.

Seguo la religione dell'amore:

in qualunque regione mi conducano

i cammelli d'amore, là si trovano

la mia credenza e la mia religione"


IbnʿArabī
 



         I GIOIELLI di LOGGIA

 

Squadra: la Morale, il Compasso la Spiritualità. In altri termini, la Squadra simboleggia la rettitudine e la dirittura d’intenzione, di propositi e di opere, cioè rappresenta un obbligo, una norma immutabile, un dovere; il compasso, invece, la Volontà, la Capacità, il Genio.


l'esoterismo su smartPhone
Apple store - EsoClassics


Il TEMPIO di ALESSANDRIA




Agape

L’Agape, nella massoneria inglese e americana non differisce dagli incontri conviviali di altre società, se non, forse, per l’unica eccezione della regola che proibisce il tenersi di discussioni su argomenti d’indole religiosa o politica, regola che viene decisamente mantenuta. Nelle logge francesi l’agape è eseguita seguendo un particolare sistema di regole che prevedono la presenza di cerimonie che li distinguono marcatamente da ogni altra assemblea sociale. La stanza ove l’agape avviene è coperta, e ai soli membri della fratellanza viene permesso l’ingresso.
 


Carlo ROELLA

Il F.llo ROELLA Carlo Pietro,membro effettivo della R.L. Cavalieri di Scozia all’Or. di Torino Palazzo Giustiniani si adoperò per far confluire quei F.lli nel Grande Oriente d’Italia – Palazzo Gistiniani. Quei sette F.lli furono accolti, pur separati in differenti Officine, dal Collegio Piemontese - Estratto da: "La fondazione della R.L. "Vita Nova"
 




"DUPLICATO" BOLLA DI FONDAZIONE
 





BOLLA DI FONDAZIONE
ORIGINALE


ASILI NOTTURNI DI TORINO



Barboni, giovani e anziani privi di un tetto, lontani dalla terra natale e dalla famiglia, sbandati, oppressi dalla fame e dal freddo, bussano ogni anno sempre più numerosi alle porte dei nostri Asili. Domina nel loro animo un distacco da tutto e tutti, specie dalla società da loro giudicata egoista, indifferente, inumana.
Una cena ristoratrice, una notte trascorsa al caldo, una benevola e scrupolosa assistenza medica, il dono inaspettato di indumenti decorosi di ogni genere, dissipano la loro acredine e ridanno loro fiducia verso il prossimo.

 
RIVISTE MASSONICHE
L'Ipotenusa

Pubblicazione trimestrale. Periodico ufficiale del Collegio Circoscrizionale dei MMVV  del Piemonte e Val d’Aosta


IbnʿArabī

(Murcia, 7 agosto 1165 Damasco, 16 novembre 1240)filosofo, mistico e poeta arabo.

La sua opera ha influenzato molti intellettuali e mistici sia orientali sia occidentali. Alcuni studiosi ritengono che egli abbia in qualche misura influenzato, seppure in modo indiretto, anche Dante e San Giovanni della Croce.




HARMONIA MUNDI

 Conformemente al simbolismo tradizionale, se s’intendono la «Terra Santa» e il «Centro del Mondo» in senso spirituale, l’élite intellettuale ne è la custode e adempie alla funzione di mantenere il legame tra questi e l’insieme dell’umanità. Dire che la via che conduce al «Centro del Mondo» fu mantenuta aperta per gli Occidentali fino a una certa epoca, significa quindi affermare che fino a quell’epoca vi furono, in seno all’Occidente, dei membri dell’élite intellettuale.